Non Profit

/Non Profit

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani 2019

Sabato 2, domenica 3 e lunedì 4 novembre 2019

Lega del Filo d’Oro – Campagna di Raccolta fondi “Una storia di mani”

In collaborazione con Lega Serie A

Il mondo del calcio scende in campo per la Lega del Filo d’Oro

I portieri della Serie A insieme per la Lega del Filo d’Oro

Testimonial i portieri della Nazionale Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e  Daniele Padelli, Mattia Perin, Pepe Reina e Stefano Sorrentino

#unastoriadimani

L’11a giornata della Serie A TIM sarà dedicata all’iniziativa “Una storia di mani” nell’ambito della campagna di raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro.

Basta  un sms o una chiamata da rete fissa al 45514 fino al 31 dicembre per aiutare la Lega del Filo d’Oro,  che da oltre 50 anni si prende cura di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, a ultimare il nuovo Centro Nazionale di diagnosi e riabilitazione di Osimo.

Per questo le squadre della Serie A scendono in campo a sostegno dell’iniziativa “Una storia di mani” invitando tutti i tifosi a sostenere la Lega del Filo d’Oro con una semplice donazione attraverso un SMS al 45514.

Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono i 2 portieri della Nazionale: Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e Daniele Padelli, Pepe Reina e Stefano Sorrentino. Insieme a loro, a sostenere l’iniziativa anche i due maestri di cucina Filippo La Mantia ed Ernst Knam e tre direttori d’orchestra noti al grande pubblico: Leonardo De Amicis, Pinuccio Pirazzoli e Peppe Vessicchio, che  si affiancano ai testimonial storici della Lega del Filo d’Oro Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Le mani di tutti gli ambassador, insieme a quelle degli educatori del Filo d’Oro e a quelle dei bambini sordociechi, sono le protagoniste di alcuni bellissimi spot che vedremo in questi giorni sulle reti nazionali, dal titolo “Una storia di mani”. È proprio con le mani che gli operatori della Lega del Filo d’Oro riescono a trasmettere ai piccoli ospiti le informazioni necessarie per comunicare ed è attraverso le mani che questi bambini riescono a trasmettere le loro emozioni e ad entrare in contatto con il mondo che li circonda e con l’amore dei loro genitori.

StC – Illuminiamo il Futuro 2019

Illuminiamo il Futuro: Venerdì 25, Sabato 26 e Domenica 27 ottobre 2019,

sui campi di calcio la campagna di Save the Children per contrastare la povertà educativa, in collaborazione con Lega Serie A

Gli allenatori insieme per Save the Children: Antonio Conte, Roberto D’Aversa, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Walter Mazzarri e Stefano Pioli, con Luciano Spalletti, da anni al fianco dell’organizzazione

 La Serie A scende in campo al fianco di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

L’Italia è un paese “vietato ai minori”, dove oltre 1 milione di bambini – il 12,5% del totale – vive in condizioni di povertà assoluta, senza beni indispensabili per condurre una vita accettabile. Un Paese dove oltre la metà dei bambini e degli adolescenti non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet, 4 su 10 non fanno sport.

Venerdì 25, Sabato 26 e Domenica 27 ottobre, tutte le squadre della Serie A TIM scenderanno in campo per supportare Save the Children per illuminare il futuro dei bambini in Italia, invitando tutti i tifosi a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare un futuro ai bambini in povertà in Italia.

La campagna vede ancora una volta coinvolti in prima fila gli allenatori: tra gli altri Antonio Conte, Roberto D’Aversa, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Walter Mazzarri e Stefano Pioli, con Luciano Spalletti, da anni al fianco dell’organizzazione.

Save the Children da anni lavora per contrastare la povertà educativa che sta privando i nostri bambini di tutte le opportunità di crescita formativa e culturale. L’Organizzazione ha creato sul territorio i Punti Luce, centri che sostengono i bisogni educativi di moltissimi bambini e adolescenti, e sorgono in contesti caratterizzati dall’assenza di servizi e opportunità formative. Oggi sono 24 in 19 città italiane e con essi, dal 2014 sono stati raggiunti oltre 23.000 minori.

Tutti possono sostenere la campagna di Save the Children grazie al numero solidale 45533, attivo sino al 20 novembre e dare ai bambininelle periferie di tante città in Italia, le opportunità che meritano. Si possono donare 2 euro inviando un SMS dal proprio cellulare oppure si possono donare 5 o 10 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa con TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. Sempre da rete fissa è inoltre possibile donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PosteMobile.

I fondi raccolti andranno a sostenere i Punti Luce di Save the Children di Potenza, Casal di Principe e Scalea.

StC – Stop alla Guerra sui Bambini 2019

Save the Children e Giro d’Italia insieme per dire “Stop alla guerra sui bambini” in occasione del Centenario dell’Organizzazione. Testimonial d’eccezione Tiziano Ferro, ambasciatore di Save the Children, protagonista del video di lancio della partnership.

Al fianco dell’Organizzazione anche il ct Davide Cassani e Vicenzo Nibali.

 Nippo Fantini Faizanè Team Ufficiale

  

#StoptheWaronChildren

Save the Children celebra il proprio Centenario e sarà Charity partner del 102° Giro d’Italia, per promuovere la campagna globale “Stop alla guerra sui bambini“. Un impegno significativo, per ricordare che nel mondo 1 bambino su 5 (420 milioni in totale) vive in aree di conflitto, aree in cui l’infanzia viene negata in tutti in suoi aspetti, quotidianamente e con violenza. Luoghi in cui anche andare in bicicletta diventa un sogno irrealizzabile.

Oltre alla presenza nei villaggi di arrivo, saranno tante le attività connesse alla partnership, come la Maglia Speciale della Grande Partenza dedicata a Save the Children o il via della seconda tappa, quando i corridori si allineeranno dietro lo striscione con il messaggio internazionale della campagna “Stop the War on Children“.

Nelle 3 settimane del Giro d’Italia, Save the Children cercherà di sensibilizzare il pubblico anche attraverso un gesto simbolico: i corridori, i loro tifosi e tutta la carovana potranno apporre su un telo l’impronta della propria mano per dire “Stop alla guerra sui bambini”.

La Campagna avrà il sostegno di Responsabilità Sociale Rai nella settimana dal 13 al 19 maggio: le trasmissioni Rai, TV e radio, diffonderanno il messaggio della Campagna per invitare il pubblico a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare protezione, cure e istruzione ai bambini scappati dagli orrori della guerra.

Tanti  i prestigiosi testimonial di questa iniziativa, a partire da Tiziano Ferro, ambasciatore di Save the Children, che ha annunciato con uno straordinario video messaggio la partnership Giro d’Italia-Save the Children. Al fianco dell’organizzazione che da 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro, il ct Davide Cassani e Vincenzo Nibali, entrambi protagonisti di un bellissimo spot, nonché il Team Nippo Fantini Faizanè, che  correrrà con il logo Save the Children sulle biciclette.

La raccolta fondi

Tutti possono sostenere la campagna di Save the Children grazie al numero solidale 45533, attivo sino al 30 settembre, per dare protezione, cure e istruzione ai bambini scappati dagli orrori della guerra. Si possono donare 2 euro inviando un SMS dal proprio cellulare oppure si possono donare 5 o 10 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa con TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. Sempre da rete fissa è inoltre possibile donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PosteMobile.

I fondi raccolti andranno a sostenere i progetti di Save the Children per garantire protezione, cure e istruzione ai bambini in Uganda fuggiti dagli orrori della guerra.

OXFAM – Acqua che salva la vita 2019

Dal 4 al 24 marzo 2019

OXFAM: ACQUA CHE SALVA LA VITA

Testimonial  i calciatori Barbara Bonansea e Fabio Quagliarella

i nuotatori Luca Dotto, Margherita Panziera e Simone Ruffini

#acquachesalvalavita

SMS 45580

Il mondo dello sport sostiene la campagna di raccolta fondi Acqua che salva la vita lanciata da Oxfam Italia dal 4 al 24 marzo 2019. Più di 1 persona su 4 nel mondo non ha accesso all’acqua pulita, 1 su 3 non ha accesso a servizi igienico sanitari. Queste persone, la maggior parte donne e bambini, rischiano di ammalarsi di colera, di tifo, o di semplice dissenteria, malattie che, in paesi già poverissimi, possono fare più vittime della guerra.

Una crescente emergenza globale che causa ogni anno la morte di oltre 840 mila persone costrette a bere e lavarsi con acqua sporca o contaminata. Tra le vittime ci sono 1.000 bambini al giorno sotto i cinque anni.

Dal 4 al 24 marzo, è possibile contribuire a cambiare le cose, sostenendo i progetti di Oxfam, donando acqua e salvando migliaia di vite con SMS solidale o chiamata da telefono fisso al 45580.

Testimonial sportivi della campagna “Acqua che salva la vita” sono Fabio Quagliarella, capitano della Sampdoria, e Barbara Bonansea, stella della Juventus e della nazionale italiana femminile. Oltre a loro, tre campioni del nuoto che hanno nell’acqua il loro elemento naturale: Luca Dotto (campione europeo 100 sl), Margherita Panziera (campionessa europea nei 200 dorso) e Simone Ruffini (campione del mondo dei 25 km in acque libere).

Insieme ai campioni dello sport, tanti nomi del mondo dello spettacolo insieme all’ambasciatrice di Oxfam Italia Malika Ayane.

Oxfam. Acqua che salva la vita

Insieme ad Oxfam per dare acqua a chi non ce l’ha

Dona acqua, salva una vita

Dona ora al  4 5 5 8 0

#acquachesalvalavita

 

UNHCR – Mettiamocelo in testa 2019

Dal 29 gennaio al 4 febbraio

UNHCR  – “Mettiamocelo in testa”

Campagna dedicata all’istruzione delle bambine rifugiate

in collaborazione con Lega Serie A

Lo sport sostiene UNHCR

Demetrio  Albertini, Giuseppe Bergomi, Thaisa Moreno, Andrea Petagna

e Gigi Mastrangelo

#mettiamocelointesta

In occasione dei quarti di finale di Coppa Italia (29, 30 e 31 gennaio) e della terza giornata del girone di ritorno di Serie A Tim (2,3 e 4 febbraio) in collaborazione con la Lega Serie A verrà promossa la Campagna “Mettiamocelo in testa” di UNHCR – Agenzia ONU per i rifugiati per raccogliere fondi da destinare all’istruzione delle bambine rifugiate.

L’istruzione è cruciale per la sopravvivenza e il futuro di milioni di bambini rifugiati; per questo per UNHCR è una priorità assoluta. Sono quasi 4 milioni i bambini rifugiati che nel mondo non hanno la possibilità di andare a scuola. E le bambine sono le più discriminate: per loro è ancora più arduo accedere all’istruzione e completare il percorso scolastico. Le ragazze rifugiate infatti hanno la metà delle probabilità di iscriversi ad una scuola superiore rispetto ai maschi. Per le bambine rifugiate la mancanza di istruzione rappresenta un rischio enorme per la loro stessa sopravvivenza

Per questo la Lega Serie A ha deciso di sostenere la terza Campagna di raccolta fondi “Mettiamocelo in testa” invitando tutti i tifosi a sostenere UNHCR con una semplice donazione attraverso un SMS al 45588. Con un sms da 2 euro si garantisce un mese di scuola a un bambino rifugiato.

Testimonial dell’iniziativa sono ancora una volta 2 grandi nomi del calcio italiano: Demetrio Albertini e Giuseppe Bergomi, ai quali quest’anno si sono aggiunti Andrea Petagna della Spal e Thaisa Moreno, stella del Milan Femminile. Con loro anche l’ex capitano della nazionale di volley Gigi Mastrangelo.

Ognuno di loro ha interpretato uno spot adottando uno dei temi della Campagna: “Scuola e futuro” (Albertini), “Più scuola, meno mortalità infantile” (Bergomi), “La scuola per formare le leader di domani” (Moreno), “Non voltiamo le spalle alle bambine rifugiate” (Petagna) “Bambine a Scuola in sicurezza” (Mastrangelo).

UNHCR  –  Mettiamocelo in testa
Dona adesso al 45588
SMS 45588
#UNHCR
#mettiamocelointesta

StC – Fino all’Ultimo Bambino 2018

Infanzia, malnutrizione: Sabato 20, Domenica 21 e Lunedì 22 ottobre 2018

 sui campi di calcio la campagna Fino all’ultimo bambino di Save the Children

In collaborazione con Lega Serie A

Gli allenatori insieme per Save the Children: scendono in campo a sostegno della campagna Allegri, Di Francesco, Giampaolo, Pioli, Spalletti e Carolina Morace

 #finoallultimobambino

Sabato 20, Domenica 21 e Lunedì 22 ottobre, in collaborazione con Lega Serie A,  in occasione della 9a giornata di campionato, torna sui campi della Serie A TIM, la campagna Fino all’ultimo bambino di Save the Children, l’Organizzazione internazionale indipendente che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

La campagna, volta a contrastare la mortalità e la malnutrizione infantile, vede ancora una volta gli allenatori  schierarati in prima linea con Save the Children: Allegri, Di Francesco, Giampaolo, Pioli, Spalletti e Carolina Morace sono i testimonial.

Ogni anno nel mondo, sono circa 5,5 milioni i bambini sotto i 5 anni che muoiono per cause prevenibili e curabili; la metà di queste morti, quasi 3 milioni di bambini, avviene a causa della malnutrizione che è un killer silenzioso che si annida tra le piaghe della povertà, delle guerre e dei cambiamenti climatici.

Tutte le squadre della Serie A scederanno in campo per supportare Save the Children, al fine di garantire cibo e cure mediche e salvare la vita e dare un futuro a milioni di bambini, invitando tutti i tifosi a combattere la malnutrizione con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533.

In prima linea, l’ACF Fiorentina, che è partner di Save the Children dal 2010 e sostiene alcune progettualità dell’organizzazione, e la Juventus FC che con Save the Children ha recentemente avviato una collaborazione.

La raccolta fondi

Sarà possibile sostenere la campagna inviando un SMS dal valore di 2 euro al numero 45533. Si potrà contribuire donando 5 o 10 euro anche chiamando lo stesso numero da rete fissa con Tim, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali. Sempre da rete fissa è possibile donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PostMobile.

I fondi raccolti in Italia durante la campagna andranno a sostenere i progetti di Save the Children in Etiopia, India, Malawi, Mozambico, Nepal e Uganda.

 

 

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani 2018

Sabato 29, domenica 30 settembre e lunedì 1° ottobre 2018

Lega del Filo d’Oro – Campagna di Raccolta fondi “Una storia di mani”

In collaborazione con Lega Serie A

Il mondo del calcio scende in campo per la Lega del Filo d’Oro

I portieri della Serie A insieme per la Lega del Filo d’Oro

Testimonial Daniele Padelli, Mattia Perin, Pepe Reina, Salvatore Sirigu, Stefano Sorrentino

#unastoriadimani

La 7a giornata della Serie A TIM sarà dedicata all’iniziativa “Una storia di mani” nell’ambito della campagna di raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro.

Basta  un sms o una chiamata da rete fissa al 45514 fino al 31 dicembre per aiutare la Lega del Filo d’Oro a ultimare il nuovo Centro Nazionale di diagnosi e riabilitazione di Osimo, dove da oltre 50 anni la Lega del Filo d’Oro si prende cura di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali.

Per questo le squadre della Serie A scendono in campo a sostegno di questa iniziativa invitando tutti i tifosi a sostenere la Lega del Filo d’Oro con una semplice donazione attraverso un SMS al 45514.

Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono 5 portieri della Serie A: Mattia Perin e Salvatore Sirigu, portieri della nazionale, Daniele Padelli, Pepe Reina e Stefano Sorrentino, rispettivamente dell’Inter, del Milan e del Chievo. Insieme a loro, a sostenere l’iniziativa anche tre straordinari direttori d’orchestra noti al grande pubblico: Leonardo De Amicis, Pinuccio Pirazzoli e Peppe Vessicchio ai quali si affiancano gli ambasciatori della Lega del Filo d’Oro Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Le mani di tutti i testimonial, insieme a quelle degli educatori del Filo d’Oro e a quelle dei bambini sordociechi, sono le protagoniste di alcuni bellissimi spot che vedremo in questi giorni sulle reti nazionali, dal titolo “Una Storia di Mani”. È proprio con le mani che gli operatori della Lega del Filo d’Oro riescono a trasmettere ai piccoli pazienti le informazioni necessarie per comunicare ed è attraverso le mani che questi bambini riescono a trasmettere le loro emozioni e ad entrare in contatto con il mondo che li circonda e con l’amore dei loro genitori.

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani

Per aiutare un bambino sordocieco. Dona adesso al 45514

SMS 45514

#legadelfilodoro

#unastoriadimani

Milano, 24 settembre 2018

UNHCR – Mettiamocelo in testa 2018

Domenica 21 e Lunedì 22 gennaio

UNHCR  – “Mettiamocelo in testa”

Campagna dedicata all’istruzione dei bambini rifugiati

in collaborazione con Lega Serie A

Lo sport sostiene UNHCR

testimonial Maurizia Cacciatori, Andrea Barzagli

Demetrio  Albertini, Giuseppe Bergomi e Gianluca Vialli 

#mettiamocelointesta

Domenica 21 gennaio 2018, seconda giornata del girone di ritorno del Campionato, in collaborazione con la Lega Serie A verrà promossa la Campagna “Mettiamocelo in testa” di UNHCR – Agenzia ONU per i rifugiati per raccogliere fondi da destinare all’istruzione dei bambini rifugiati.

L’istruzione è cruciale per la sopravvivenza e il futuro di milioni di bambini rifugiati e per UNHCR è una priorità assoluta. Sono più di 3 milioni e mezzo i  bambini rifugiati che non hanno la possibilità di andare a scuola. Eppure, per la sopravvivenza di un bambino rifugiato, la scuola non è meno importante di una tenda dove dormire, del cibo o delle cure mediche.

Per questo la Serie A ha deciso di sostenere la Campagna “Mettiamocelo in testa. Solo l’istruzione può salvare la vita e il futuro di un bambino rifugiato” invitando tutti i tifosi a sostenere UNHCR con una semplice donazione attraverso un SMS al 45516. Con un sms da 2 euro si garantisce un mese di scuola a un bambino rifugiato.

Parte dei fondi raccolti, inoltre, saranno utilizzati per attività di sensibilizzazione nelle scuole italiane sui temi dell’asilo e delle condizioni di vita dei rifugiati.

Testimonial dell’iniziativa sono ancora una volta 3 grandi nomi del calcio italiano: Demetrio Albertini, Giuseppe Bergomi e Gianluca Vialli cui quest’anno si sono aggiunti Andrea Barzagli e Maurizia Cacciatori. Ognuno di loro ha “adottato” uno dei temi della Campagna interpretando uno spot e posando per un servizio fotografico (foto Ruggero Rosfer; materiali al link allegato): Costruire la pace (Albertini), Salvare una vita (Bergomi), Ricominciare a vivere (Vialli), Un futuro migliore (Barzagli), La scuola è un diritto (Cacciatori).

UNHCR  –  Mettiamocelo in testa

Dona adesso al 45516

SMS 45516

#UNHCR

#mettiamocelointesta

Airc – Un Gol per la Ricerca 2017

Sabato 4, domenica 5 e lunedì 13 novembre

UN GOL PER LA RICERCA

in collaborazione con FIGC, Lega Serie A, TIM e AIA

 

IL MONDO DEL CALCIO SI SCHIERA AL FIANCO DI AIRC

Alessandro Del Piero, Francesco Acerbi, Leonardo Bonucci, Stephan El Shaarawy e Claudio Marchisio scendono in campo insieme ai 5.000 ricercatori AIRC e invitano tutti i tifosi a ‘segnare’ un gol per la ricerca.

 

Sabato 4 e domenica 5 novembre anche il mondo del calcio rinnova il suo sostegno all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro con Un Gol per la Ricerca, storica iniziativa promossa in collaborazione con FIGC, Lega Serie A, TIM e AIA e giunta quest’anno alla sua ventesima edizione.

Calciatori, allenatori e arbitri invitano i tifosi a sostenere AIRC con un SMS al 45510 per vincere tutti insieme la partita contro il cancro. L’obiettivo è quello di far crescere una nuova generazione di scienziati di talento, i futuri “campioni” della ricerca oncologica.

La battaglia contro il cancro non passa solo dai progressi della ricerca ma anche dall’adozione di corretti stili di vita: 3 tumori su 10 sono prevenibili con una sana alimentazione. Altrettanto importante è l’esercizio fisico regolare: per questo tutti, sportivi e non, dovrebbero adottare ogni giorno il ‘modulo 0-5-30’: 0 sigarette, 5 porzioni di frutta e verdura e 30 minuti di esercizio fisico moderato.

Alla guida della straordinaria squadra di Un Gol per la Ricerca si conferma Alessandro Del Piero, ambasciatore AIRC dal 2002 e protagonista dello spot della campagna insieme ai veri volti dell’Associazione: ricercatori, sostenitori, volontari e persone che hanno superato la malattia. “Sono al fianco dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro da ormai quindici anni – racconta Del Piero – È qualcosa che è nato purtroppo da una mia esperienza personale ma che nel tempo mi ha dato molto. Oggi posso considerare AIRC quasi una famiglia perché la conosco molto bene, ho visitato i laboratori, ho conosciuto i ricercatori, ho condiviso momenti con persone che sono riuscite a superare il cancro. Per questo sono orgoglioso di essere ‘capitano’ della squadra di Un Gol per la Ricerca e sono certo che tutti insieme potremo fare molto per aiutare i 5.000 ricercatori AIRC a rendere il cancro sempre più curabile”.

Accanto a Del Piero un poker di grandi campioni del rettangolo verde. Rinnovano infatti il loro impegno a sostegno dei giovani talenti della ricerca Francesco Acerbi, Stephan El Shaarawy e Claudio Marchisio. A loro si aggiunge Leonardo Bonucci, ingresso che rafforza ulteriormente la squadra AIRC. Tutti insieme saranno in campo come ambasciatori del messaggio di AIRC presso i tifosi negli stadi e attraverso una serie di appelli che verranno rilanciati dai media sportivi e dai social, invitando così il pubblico a ‘segnare’ un gol per la ricerca.

Grazie alla collaborazione con FIGC anche gli Azzurri daranno il loro importante contributo a questa fondamentale partita contro il cancro schierandosi al fianco di AIRC e dei suoi giovani ricercatori lunedì 13 novembre a Milano in occasione dell’incontro Italia – Svezia, gara decisiva per conquistare un posto per i Mondiali di Russia 2018.

StC – Fino all’Ultimo Bambino 2017

Sabato 21 e Domenica 22 ottobre 2017

Save the Children – Campagna globale 2017 “Fino all’ultimo bambino”

in collaborazione con Lega Serie A e AIA

Gli allenatori della Serie A insieme per Save the Children

testimonial Allegri, Di Francesco, S. Inzaghi, Montella, Mihajlovic, Pioli, Spalletti,

#finoallultimobambino

Domenica 22 ottobre, in occasione dell’9a giornata, torna sui campi della Serie A TIM l’iniziativa “Fino all’ultimo bambino” in collaborazione con Lega Serie A e A.I.A., nell’ambito della campagna di raccolta fondi di Save the Children per contrastare la malnutrizione infantile.

Ogni anno nel mondo, 6 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono per cause prevenibili e curabili, di cui la metà, ben 3 milioni, a causa della malnutrizione: un killer silenzioso che trova terreno fertile tra le piaghe della povertà, dei conflitti e dei cambiamenti climatici. 1 minore su 4 sotto i 5 anni è colpito da malnutrizione cronica, 1 su 12 da quella acuta.

Il mondo del calcio, da anni a fianco di Save the Children in modo partecipe e responsabile, scende in campo per invitare tutti i tifosi a combattere la malnutrizione, con una semplice donazione, attraverso un SMS al 45544.

Saranno tutte le squadre della Serie A Tim, arbitri compresi, a schierarsi con Save the Children per garantire cibo e cure mediche, per salvare la vita e dare un futuro ai bambini senza un domani.

Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono gli allenatori Allegri, Di Francesco, S. Inzaghi, Pioli, Montella, Mihajlovic, Spalletti.

Insieme a loro, l’ACF Fiorentina, che è partner di Save the Children dal 2010 e sostiene un importante progetto di salute materno-infantile e nutrizione in Etiopia.

Save the Children – Fino all’ultimo bambino

Salva la vita a un bambino. Dona adesso al 45544

SMS 45544

#savethechildren