Sportwide

/Sportwide

About Sportwide

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
So far Sportwide has created 89 blog entries.

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani

Sabato 31 ottobre, domenica 1 e lunedì 2 novembre 2020

Lega del Filo d’Oro – Campagna di Raccolta fondi “Una storia di mani”

In collaborazione con Lega Serie A

Il mondo del calcio scende in campo per la Lega del Filo d’Oro

I portieri della Serie A insieme per la Lega del Filo d’Oro

Testimonial i portieri della Nazionale Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e  Daniele Padelli, Pepe Reina e Stefano Sorrentino

#unastoriadimani

La 6a giornata della Serie A TIM sarà dedicata all’iniziativa “Una storia di mani” nell’ambito della campagna di raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro.

Basta un sms o una chiamata da rete fissa al 45514 fino al 31 dicembre per sostenere la Lega del Filo d’Oro, che da oltre 55 anni si prende cura di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, e contribuire a ultimare il nuovo Centro Nazionale di Osimo. In particolare, la raccolta fondi servirà alla costruzione dell’edificio per la fisioterapia e l’idroterapia, con palestre e piscine, fondamentali per l’opera di assistenza della Lega del Filo d’Oro.

Per questo le squadre della Serie A scendono in campo a sostegno dell’iniziativa “Una storia di mani” invitando tutti i tifosi a sostenere la Lega del Filo d’Oro con una semplice donazione attraverso un SMS al 45514.

Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono i 2 portieri della Nazionale: Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e Daniele Padelli, Pepe Reina e l’ex Stefano Sorrentino. Insieme a loro, a sostenere l’iniziativa anche i due maestri di cucina Filippo La Mantia ed Ernst Knam e tre direttori d’orchestra noti al grande pubblico: Leonardo De Amicis, Pinuccio Pirazzoli e Peppe Vessicchio, che  si affiancano ai testimonial storici della Lega del Filo d’Oro Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Le mani di tutti gli ambassador, insieme a quelle degli educatori del Filo d’Oro e a quelle dei bambini sordociechi, sono le protagoniste di alcuni bellissimi spot che vedremo in questi giorni sulle reti nazionali, dal titolo “Una storia di mani”. È proprio con le mani che gli operatori della Lega del Filo d’Oro riescono a trasmettere ai piccoli ospiti le informazioni necessarie per comunicare ed è attraverso le mani che questi bambini riescono a trasmettere le loro emozioni e ad entrare in contatto con il mondo che li circonda e con l’amore dei loro genitori.

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani

Per aiutare i bambini sordociechi. Dona adesso al 45514

SMS 45514

#legadelfilodoro                            #unastoriadimani

StC – Esports Play for Save the Children

Dal 19 al 25 ottobre il mondo E-Sport giocherà anche a supporto della campagna di raccolta fondi di Save the Children “Proteggiamo i bambini”.

Per la prima volta, alcuni dei più importanti pro-player con i loro Team e il patrocinio della FederEsports – Federazione Italiana E-Sports, saranno alla consolle per sostenere l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

In tutto il mondo e anche in Italia, a causa del Covid moltissimi bambini già in povertà hanno visto peggiorare ulteriormente le loro condizioni di vita, hanno dovuto lasciare la scuola e sono sempre più a rischio di sfruttamento e violenze.

È necessario intervenire subito e con decisione per prevenire e contenere le conseguenze di questa pandemia sui bambini e garantire loro un futuro.

Sin dall’inizio dell’emergenza Save the Children è stata al fianco delle famiglie e dei bambini più vulnerabili L’emergenza per loro non è ancora finita e non possiamo permettere che un’intera generazione di bambini rinunci al proprio futuro: per questo Save the Children ha lanciato la campagna “Proteggiamo i bambini”, per stare al loro fianco in Italia e nel mondo.

Per la prima volta, il mondo degli E-Sports italiano scende in campo per condividere e sostenere una Campagna Sociale.

Federesport ha infatti dato il proprio patrocinio e invitato tutti i Team a sostenere Save the Children: anche i pro-player giocheranno a favore dei bambini più disagiati e inviteranno i propri follower a donare.

Anche la Serie A, negli stessi giorni si mobiliterà; la 5a Giornata di Campionato, tutte le squadre scenderanno in campo per supportare Save the Children a proteggere i bambini, invitando tutti i tifosi a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare un futuro ai bambini.

La campagna vede ancora una volta coinvolti in prima fila anche gli allenatori della Serie A, tra gli altri: Massimiliano Allegri, Antonio Conte, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Stefano Pioli, Andrea Pirlo, Claudio Ranieri, Luciano Spalletti.

A sostegno dell’iniziativa anche l’ex maglia rosa Damiano Cunego dal palco Rai al Giro d’Italia.

Proteggiamo i bambini, non permettiamo che il Covid si porti via i loro sogni e il loro futuro. Sosteniamo insieme Save the Children.

StC – Proteggiamo i Bambini 2020

Da venerdì 23 a lunedì 26 ottobre 2020

Sui campi di calcio la campagna di Save the Children per proteggere i bambini colpiti dall’emergenza Covid in collaborazione con Lega Serie A

 Gli allenatori per Save the Children:
Allegri, Conte, Fonseca, Gasperini, S. Inzaghi, Pioli, Pirlo, Ranieri, Spalletti

 A sostegno dell’iniziativa si schiera anche il mondo E-Sport

 

La Serie A scende in campo al fianco di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

In tutto il mondo, a causa del Covid moltissimi bambini già in povertà hanno visto peggiorare ulteriormente le loro condizioni di vita, hanno dovuto lasciare la scuola e sono sempre più a rischio di sfruttamento e violenze.

Anche in Italia le conseguenze del virus sono drammatiche: già prima del Covid i bambini in povertà assoluta – senza lo stretto necessario per vivere dignitosamente – erano oltre un milione. Oggi questo numero potrebbe essere raddoppiato

È necessario intervenire subito e con decisione per prevenire e contenere le conseguenze di questa pandemia sui bambini e garantire loro un futuro.

Sin dall’inizio dell’emergenza Save the Children è stata al fianco delle famiglie e dei bambini più vulnerabili L’emergenza per loro non è ancora finita e non possiamo permettere che un’intera generazione di bambini rinunci al proprio futuro: per questo Save the Children ha lanciato la campagna “Proteggiamo i bambini”, per stare al loro fianco in Italia e nel mondo.

Da venerdì 23 a Lunedì 26 ottobre, tutte le squadre della Serie A TIM scenderanno in campo per supportare Save the Children a proteggere i bambini, invitando tutti i tifosi a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare un futuro ai bambini.

La campagna vede ancora una volta coinvolti in prima fila gli allenatori, tra gli altri: Massimiliano Allegri, Antonio Conte, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Stefano Pioli, Andrea Pirlo, Claudio Ranieri, Luciano Spalletti.

A sostegno dell’iniziativa anche il mondo E-Sport: Federesports ha infatti dato il proprio patrocinio e invitato tutti i Team a sostenere Save the Children: anche i pro-player giocheranno a favore dei bambini più disagiati e inviteranno i propri follower a donare.

Proteggiamo i bambini, non permettiamo che il Covid si porti via i loro sogni e il loro futuro. Sosteniamo insieme Save the Children.

Dona al 45533

UNHCR – Mettiamocelo in testa 2020

Dal 27 gennaio al 3 febbraio

UNHCR  – “Mettiamocelo in testa”

Campagna dedicata all’istruzione dei bambini rifugiati

in collaborazione con Lega Serie A

Lo sport sostiene UNHCR

Testimonial i campioni Demetrio  Albertini, Giuseppe Bergomi, Alessandro Costacurta, Kwandwo Asamoah e Miriam Sylla

#mettiamocelointesta

In occasione dei quarti di finale di Coppa Italia (28 e 29 gennaio) e della 22ma giornata di Serie A Tim (1, 2 e 3 febbraio) in collaborazione con la Lega Serie A verrà promossa la Campagna “Mettiamocelo in testa” di UNHCR – Agenzia ONU per i rifugiati per raccogliere fondi da destinare all’istruzione dei bambini rifugiati.

Nel corso dell’ultimo anno accademico, oltre 3,7 milioni di bambini rifugiati in tutto il mondo non hanno avuto la possibilità di andare a scuola. Ma un bambino rifugiato che non va a scuola non rischia di perdere l’anno, ma la vita. Secondo il rapporto dell’UNHCR Stepping Up: Refugee Education in Crisis, dei 7,1 milioni di bambini rifugiati in età scolare, più della metà non vanno a scuola. Eppure, per la sopravvivenza di un bambino rifugiato, la scuola è centrale al pari di una tenda dove ripararsi, del cibo o delle cure mediche. Con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza decisiva dell’istruzione per il futuro di milioni di bambini rifugiati e di garantire loro accesso ad un’istruzione di qualità, dal 26 gennaio al 16 febbraio 2020 l’UNHCR lancia la quarta edizione della campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Mettiamocelo in Testa. Un bambino rifugiato che non va a scuola non rischia di perdere l’anno, ma la vita” che si potrà sostenere con un sms o chiamata da rete fissa al numero solidale 45588.

Lega Serie A ha deciso di sostenere anche quest’anno la Campagna di raccolta fondi “Mettiamocelo in testa” invitando tutti i tifosi a sostenere UNHCR con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da numero fisso al 45588. Con un sms da 2 euro si garantisce un mese di scuola a un bambino rifugiato.

Testimonial dell’iniziativa sono ancora una volta 2 grandi del calcio italiano: Demetrio Albertini e Giuseppe Bergomi, ai quali quest’anno si sono aggiunti l’altro veterano azzurro Alessandro Costacurta, il centrocampista dell’Inter Kwandwo Asamoah e la schiacciatrice dell’Imoco Volley e dell’Italia Miriam Sylla.

UNHCR  –  Mettiamocelo in testa

Dona adesso al 45588

SMS 45588

#UNHCR

#mettiamocelointesta

Time to move

MARKETERs Experience 2019
Time to Move

Martedì 26 Novembre 2019 , presso l’ Aula Magna “Guido Cazzavillan” del Campus
economico San Giobbe dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, avrà luogo la VI edizione
dell’evento MARKETERs Experience .
È il primo dei tre grandi eventi annuali organizzati da MARKETERs Club, associazione e
community studentesca riconosciuta a livello nazionale, che riunisce appassionati di
marketing, comunicazione e business in generale.
Credendo che lo sport sia un fondamentale fattore di identità, personale e di gruppo, il
MARKETERs Experience 2019 – Time to Move , unirà gli aspetti di miglioramento e
performance a quelli di team building e intrattenimento, entrambi vicini anche al futuro
mondo lavorativo del nostro pubblico.
L’idea è quella di vedere lo sport come esperienza e stile di vita, in linea con il format degli
eventi Experience e di quello passato.
I protagonisti di questa edizione saranno aziende e brand leader nel mercato e nell’ambito
sportivo.
Conosceremo così il diverso approccio di marketing dei brand e del loro vario portafoglio
prodotti.
Seguirà poi un momento di confronto tra gli ospiti sul presente e futuro del settore. A fine
giornata non mancheranno inoltre occasioni di dibattito e networking.
La precedente edizione, il MARKETERs Experience 2018 – LIFESTYLE: Define your Way ,
ha presentato ospiti come il Marketing Manager di Rolling Stone Italia, lo Chief Marketing
Officer di Diesel e il Brand Manager di Dolly Noire, contando 400 presenze in sala.
Per questa edizione, fra gli ospiti confermati, troviamo Davide Costanzo, Marketing
Manager di Under Armour , brand americano di activewear che ha rivoluzionato il settore
dell’abbigliamento sportivo, fondando il suo successo nell’innovazione costante, Arianna
Colombari , Group Communication Manager di Tecnica Group , leader nella produzione di
abbigliamento sportivo nel mercato delle calzature e delle attrezzature per gli sport invernali
e Stefano Taboga , Marketing Manager di Lotto Sport Italia , società italiana di calzature ed
abbigliamento sportivo fondata nel 1973, da sempre protagonista nei campi da calcio e da
tennis.
A moderare la tavola rotonda, sarà invece Alberto Colla , Co-owner e CEO di Claim Brand
Industry .
L’evento MARKETERs Experience 2019 – Time to Move è patrocinato dall’ Università Ca’
Foscari di Venezia .
Hashtag ufficiale per seguire e comunicare durante la giornata
#MExperience19

Lega del Filo d’Oro – Una storia di mani 2019

Sabato 2, domenica 3 e lunedì 4 novembre 2019

Lega del Filo d’Oro – Campagna di Raccolta fondi “Una storia di mani”

In collaborazione con Lega Serie A

Il mondo del calcio scende in campo per la Lega del Filo d’Oro

I portieri della Serie A insieme per la Lega del Filo d’Oro

Testimonial i portieri della Nazionale Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e  Daniele Padelli, Mattia Perin, Pepe Reina e Stefano Sorrentino

#unastoriadimani

L’11a giornata della Serie A TIM sarà dedicata all’iniziativa “Una storia di mani” nell’ambito della campagna di raccolta fondi della Lega del Filo d’Oro.

Basta  un sms o una chiamata da rete fissa al 45514 fino al 31 dicembre per aiutare la Lega del Filo d’Oro,  che da oltre 50 anni si prende cura di bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, a ultimare il nuovo Centro Nazionale di diagnosi e riabilitazione di Osimo.

Per questo le squadre della Serie A scendono in campo a sostegno dell’iniziativa “Una storia di mani” invitando tutti i tifosi a sostenere la Lega del Filo d’Oro con una semplice donazione attraverso un SMS al 45514.

Straordinari protagonisti della campagna di comunicazione sono i 2 portieri della Nazionale: Gigio Donnarumma e Salvatore Sirigu, con Samir Handanovic e Daniele Padelli, Pepe Reina e Stefano Sorrentino. Insieme a loro, a sostenere l’iniziativa anche i due maestri di cucina Filippo La Mantia ed Ernst Knam e tre direttori d’orchestra noti al grande pubblico: Leonardo De Amicis, Pinuccio Pirazzoli e Peppe Vessicchio, che  si affiancano ai testimonial storici della Lega del Filo d’Oro Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Le mani di tutti gli ambassador, insieme a quelle degli educatori del Filo d’Oro e a quelle dei bambini sordociechi, sono le protagoniste di alcuni bellissimi spot che vedremo in questi giorni sulle reti nazionali, dal titolo “Una storia di mani”. È proprio con le mani che gli operatori della Lega del Filo d’Oro riescono a trasmettere ai piccoli ospiti le informazioni necessarie per comunicare ed è attraverso le mani che questi bambini riescono a trasmettere le loro emozioni e ad entrare in contatto con il mondo che li circonda e con l’amore dei loro genitori.

StC – Illuminiamo il Futuro 2019

Illuminiamo il Futuro: Venerdì 25, Sabato 26 e Domenica 27 ottobre 2019,

sui campi di calcio la campagna di Save the Children per contrastare la povertà educativa, in collaborazione con Lega Serie A

Gli allenatori insieme per Save the Children: Antonio Conte, Roberto D’Aversa, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Walter Mazzarri e Stefano Pioli, con Luciano Spalletti, da anni al fianco dell’organizzazione

 La Serie A scende in campo al fianco di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

L’Italia è un paese “vietato ai minori”, dove oltre 1 milione di bambini – il 12,5% del totale – vive in condizioni di povertà assoluta, senza beni indispensabili per condurre una vita accettabile. Un Paese dove oltre la metà dei bambini e degli adolescenti non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet, 4 su 10 non fanno sport.

Venerdì 25, Sabato 26 e Domenica 27 ottobre, tutte le squadre della Serie A TIM scenderanno in campo per supportare Save the Children per illuminare il futuro dei bambini in Italia, invitando tutti i tifosi a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare un futuro ai bambini in povertà in Italia.

La campagna vede ancora una volta coinvolti in prima fila gli allenatori: tra gli altri Antonio Conte, Roberto D’Aversa, Paulo Fonseca, Giampiero Gasperini, Simone Inzaghi, Walter Mazzarri e Stefano Pioli, con Luciano Spalletti, da anni al fianco dell’organizzazione.

Save the Children da anni lavora per contrastare la povertà educativa che sta privando i nostri bambini di tutte le opportunità di crescita formativa e culturale. L’Organizzazione ha creato sul territorio i Punti Luce, centri che sostengono i bisogni educativi di moltissimi bambini e adolescenti, e sorgono in contesti caratterizzati dall’assenza di servizi e opportunità formative. Oggi sono 24 in 19 città italiane e con essi, dal 2014 sono stati raggiunti oltre 23.000 minori.

Tutti possono sostenere la campagna di Save the Children grazie al numero solidale 45533, attivo sino al 20 novembre e dare ai bambininelle periferie di tante città in Italia, le opportunità che meritano. Si possono donare 2 euro inviando un SMS dal proprio cellulare oppure si possono donare 5 o 10 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa con TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. Sempre da rete fissa è inoltre possibile donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PosteMobile.

I fondi raccolti andranno a sostenere i Punti Luce di Save the Children di Potenza, Casal di Principe e Scalea.

StC – Stop alla Guerra sui Bambini 2019

Save the Children e Giro d’Italia insieme per dire “Stop alla guerra sui bambini” in occasione del Centenario dell’Organizzazione. Testimonial d’eccezione Tiziano Ferro, ambasciatore di Save the Children, protagonista del video di lancio della partnership.

Al fianco dell’Organizzazione anche il ct Davide Cassani e Vicenzo Nibali.

 Nippo Fantini Faizanè Team Ufficiale

  

#StoptheWaronChildren

Save the Children celebra il proprio Centenario e sarà Charity partner del 102° Giro d’Italia, per promuovere la campagna globale “Stop alla guerra sui bambini“. Un impegno significativo, per ricordare che nel mondo 1 bambino su 5 (420 milioni in totale) vive in aree di conflitto, aree in cui l’infanzia viene negata in tutti in suoi aspetti, quotidianamente e con violenza. Luoghi in cui anche andare in bicicletta diventa un sogno irrealizzabile.

Oltre alla presenza nei villaggi di arrivo, saranno tante le attività connesse alla partnership, come la Maglia Speciale della Grande Partenza dedicata a Save the Children o il via della seconda tappa, quando i corridori si allineeranno dietro lo striscione con il messaggio internazionale della campagna “Stop the War on Children“.

Nelle 3 settimane del Giro d’Italia, Save the Children cercherà di sensibilizzare il pubblico anche attraverso un gesto simbolico: i corridori, i loro tifosi e tutta la carovana potranno apporre su un telo l’impronta della propria mano per dire “Stop alla guerra sui bambini”.

La Campagna avrà il sostegno di Responsabilità Sociale Rai nella settimana dal 13 al 19 maggio: le trasmissioni Rai, TV e radio, diffonderanno il messaggio della Campagna per invitare il pubblico a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare protezione, cure e istruzione ai bambini scappati dagli orrori della guerra.

Tanti  i prestigiosi testimonial di questa iniziativa, a partire da Tiziano Ferro, ambasciatore di Save the Children, che ha annunciato con uno straordinario video messaggio la partnership Giro d’Italia-Save the Children. Al fianco dell’organizzazione che da 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro, il ct Davide Cassani e Vincenzo Nibali, entrambi protagonisti di un bellissimo spot, nonché il Team Nippo Fantini Faizanè, che  correrrà con il logo Save the Children sulle biciclette.

La raccolta fondi

Tutti possono sostenere la campagna di Save the Children grazie al numero solidale 45533, attivo sino al 30 settembre, per dare protezione, cure e istruzione ai bambini scappati dagli orrori della guerra. Si possono donare 2 euro inviando un SMS dal proprio cellulare oppure si possono donare 5 o 10 euro chiamando lo stesso numero da rete fissa con TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali. Sempre da rete fissa è inoltre possibile donare 5 euro chiamando con TWT, Convergenze e PosteMobile.

I fondi raccolti andranno a sostenere i progetti di Save the Children per garantire protezione, cure e istruzione ai bambini in Uganda fuggiti dagli orrori della guerra.